Art e Dossier

ad-940-240-ad-sito-rivista-bacchetta.jpg
ad-940-240-ad-sito-rivista-bacchetta.jpg

Art History: Ricerca iconografica

Apostoli

Apostolo è un termine neotestamentario che designa, in generale, l'inviato di Gesù. Il Nuovo Testamento riconosce come apostoli coloro che Gesù ha inviato come suoi missionari, con il compito di annunciare il Vangelo e di amministrare i sacramenti (in particolare il battesimo e la comunione). Essi sono i testimoni della morte e della resurrezione di Cristo e il compimento della loro missione li porrà a fondamento del nuovo popolo di Dio sino alla "parusia", ovvero la seconda discesa di Cristo sulla terra. Per questo motivo, il titolo e la funzione di apostolo sono riconosciuti in particolare, ma non esclusivamente, ai dodici discepoli, il cui numero rinvia simbolicamente alle dodici tribù del popolo eletto. I decenni che seguirono alla morte di Gesù sono noti come "il tempo degli apostoli". L'evangelista Luca narra, negli Atti degli apostoli, come dopo l'ascensione di Gesù al cielo si fosse formata una comunità di seguaci, grazie all'opera di predicazione compiuta dagli apostoli. Una tradizione vuole che il territorio di missione apostolica sia stato diviso in competenze: a Pietro l'Italia, a Giovanni evangelista l'Asia minore, a Giacomo Maggiore la Spagna, ad Andrea la Grecia, a Filippo la Frigia, a Tommaso l'India, a Bartolomeo la Cilicia, a Matteo l'Etiopia, a Simone Zelota la Persia, a Giuda Taddeo la Mesopotamia, a Mattia la Palestina. Sempre durante il "tempo degli apostoli" si verificò la graduale separazione dei seguaci di Gesù dall'ebraismo.