Art e Dossier

Banner1_RobertoPapini_StefaniaPinsoneHD.jpg
Banner1_RobertoPapini_StefaniaPinsoneHD.jpg

Art History: Ricerca iconografica

Pietro

Il primo e più importante tra i dodici apostoli era un vecchio pescatore originario di Bethsaida in Galilea. Il suo vero nome era Simone, ma quando Gesù gli affidò il compito di guidare il popolo cristiano (simbolicamente assimilato a un gregge di pecore) lo paragonò alla “prima pietra” su cui sarebbe stata edificata la Chiesa e divenne per tutti Pietro. Egli è considerato il primo pontefice della storia. Spesso è raffigurato in trono (o cattedra vescovile), a volte con la tiara papale sul capo e in mano il pastorale. Suo attributo fisso sono le chiavi che Cristo gli consegna insieme al testo della legge divina sotto forma di rotolo. Le due chiavi, legate da un filo rosso, simboleggiano sin dal Medioevo la legittimazione del doppio potere temporale e spirituale del papato. Egli appare anche sulla soglia del paradiso che accoglie gli eletti, in virtù del potere conferitogli dal Signore “di sciogliere o legare” gli uomini dai lacci del peccato, cioè di aprire o chiudere la porta della salvezza eterna. La sua storia è narrata nei quattro Vangeli, dove ha inizio con la vocazione avuta insieme al fratello Andrea durante l’episodio della pesca miracolosa. L’apostolo è presente nella scena della lavanda dei piedi e in quella del bacio di Giuda mentre taglia l’orecchio a Malco, subito risanato da Cristo. Durante l’Ultima cena Gesù aveva predetto che, prima del canto del gallo, Pietro l’avrebbe rinnegato per tre volte e così avvenne: in ricordo di tale episodio l’apostolo è rappresentato anche accanto a un gallo. Dopo la morte e ascensione di Cristo, l’apostolo opera una serie di miracoli e conversioni e, infine, viene rinchiuso in carcere a Gerusalemme, da dove sarà liberato da un angelo. Le vicende di Pietro si concludono negli Atti degli apostoli con la sua partenza da Gerusalemme. Le successive imprese dell’apostolo, dalla fuga ad Antiochia sino alla morte a Roma, sono invece narrate in una ricca tradizione di testi apocrifi, raccolta nel XIII secolo nella Legenda Aurea. A Roma, Pietro rivestì per primo la carica vescovile, fornendo così i presupposti apostolici alla Chiesa romana. Tra i momenti salienti della leggenda si ricorda la disputa con il pagano Simon mago alla presenza dell’imperatore Nerone (54-68), il quale decreterà la morte di Pietro in croce, a imitazione di Cristo, ma a testa in giù.