Art e Dossier

Banner1_RobertoPapini_StefaniaPinsoneHD.jpg
Banner1_RobertoPapini_StefaniaPinsoneHD.jpg

Boa Mistura. Art as a tool for change

categoria: Blog
12 ottobre 2020

Boa Misturaè un collettivo multidisciplinare di Madrid, formato nel 2001 per volontà di cinque amici che hanno fatto dell’arte uno strumento di trasformazioneurbana e sociale.Il loro campo d’azione è la città e i suoi spazi marginali che, attraverso uno strato di colore, trasformano in opere d’arte capaci di creare legami tra le persone e i luoghi in cui esse vivono. Il termine di derivazione portoghese Boa Mistura, ovvero buona miscela, fa riferimento alle diverse formazioni e punti di vista di ciascuno dei cinque componenti che, da quando hanno deciso di intervenire nelle pareti grigie di Madrid confessandole che la “quieren en color” (la vogliono a colori), questa non è più la stessa di prima, si è trasformata. I loro progetti, che trovano radici nella street art, vengono concepiti direttamente in loco ed hanno come presupposto imprescindibile la conoscenza della storia dell’area, della cultura e della comunità. È solo operando in questo modo che l’arte si appropria della città e dei suoi spazi, cambiandone la percezione e rompendo barriere sociali e politiche. L’arte di Boa Misturapuò ritenersi completa solo attraverso la partecipazioneattiva delle comunità locali nell’atto di trasformazione. Trovano quindi nella pittura uno strumento ampiamente accessibile alle comunità, dal carattere evocatore, di grande capacità ispiratrice e dal risultato immediato. Per il collettivo coloree la tipografia sono veicolo attraverso il quale è possibile recuperare i luoghi marginali della città restituendo identità e orgoglio alle persone locali. I progetti di anamorfosi tipografica così come i progetti di scrittura per sottrazione prendo forma grazie alle poesie di scrittori quali Miquel Costa i Llobera nel progetto Paratges de Pauin Portogallo e ai versi della canzone di A. Remache “El Alma no tiene color” (L’Anima non ha colore)a La Cañadadi Madrid.In altre occasioni le parole più semplicemente si generano attraversol’ascolto e l’osservazione del tessuto urbano e della comunità locale come nei progetti Somos Luza Panama, Luz Nas Vielasa San Paolo del Brasile e Al Karmain Algeri.Il carattere effimero dell’arte trasformativa di Boa Mistura è percepita come valore aggiunto del progetto stesso, attraverso il colore danno inizio ad un processo trasformativo che mira alla generazione di un cambiamento permanente in risposta alle complessità territoriali e sociali del luogo.

Sara Nosarini

Studente del Master Management dell’Arte e dei Beni Culturali

Giunti Academy