Art e Dossier

940x240 ad sito riv (1).jpg
940x240 ad sito riv (1).jpg

Remo Bianco: una mostra a Milano

categoria: Mostre
5 luglio – 6 ottobre 2019

Remo Bianco. Le impronte della memoria

Milano
Museo del Novecento

Gli spazi del Museo del Novecento a Milano ospitano sino al 6 ottobre una settantina di opere di Remo Bianco, «ricercatore solitario», come lui stesso amava definirsi, e grande osservatore del panorama dell’arte della Milano del boom economico, in occasione della mostra Remo Bianco. Le impronte della memoria. L’esposizione, curata da Lorella Giudici con la collaborazione della Fondazione Remo Bianco, segue l’intera opera dell’artista a partire dai primi calchi, le Impronte, dedicate alle «cose più umili che di solito vanno perdute» come i giocattoli o gli attrezzi (Manifesto dell’Arte Improntale, 1956) e i Sacchettini - Testimonianze nei quali Bianco assembla oggetti di poco valore che appende su una superficie di legno. Si passa dunque ad analizzare i Tableaux Dorés, realizzati a partire dal 1957, evoluzione dei suoi Collages e tappa fondamentale della sua ricerca, nei quali l’artista, su una superficie monocroma o a due colori, applica materiali diversi quali la foglia d’oro, la paglia o la stoffa. Il percorso prosegue poi con le opere che dal 1965 vanno sotto la definizione di Arte sovrastrutturale, dedicate al tema della memoria e alla necessità di fissare in modo indelebile ricordi e realtà, sino ad arrivare agli anni Settanta con i Quadri parlanti, opere animate acusticamente, fra cui il noto Scusi signore…, autoritratto di Bianco.