Art e Dossier

banner SAVE ART 2022_2.png
banner SAVE ART 2022_2.png

disegni adami

categoria: Blog
31 July 2019

Il Gabinetto dei Disegni e delle Stampe delle Gallerie degli Uffizi di Firenze si arricchisce di una donazione: quattro disegni dell’artista Valerio Adami, l' “artista nomade” e campione contemporaneo della figurazione. Nato a Bologna, classe 1953, Valerio Adami comincia a dipingere a Venezia con Felice Carena per poi iniziare a studiare all’Accademia di Brera sotto la guida di Achille Funi. Negli anni ‘60 partecipa a Documenta di Kassel e alla Biennale di Venezia; negli anni ‘80 gli viene dedicata una personale al Centre Pompidou di Parigi ed espone al Moma di New York. Dopo aver vissuto tra Cuba, India, Israele, Giappone, Scandinavia, e aver fatto esperienze fondamentali per la sua arte, nel 1997 crea la Fondazione Europea del Disegno a Meina, dove attualmente risiede, sul Lago Maggiore. La sua arte tende all’espressionismo ed è influenzata dall’opera di Francis Bacon e dalla pittura astratta e gestuale, a cui si uniscono le tecniche della Pop Art americana, con un particolare sguardo a Roy Lichenstein. Le sue opere sono una sorta di racconto a fumetti, tra il fantastico e l’ironico, realizzate in stesure piatte, lisce e continue dentro le nette recinzioni del disegno. Mancavano dunque solo gli Uffizi tra i maggiori musei del mondo dove ha già esposto. Dei quattro disegni di Adami donati al Gabinetto Disegni e Stampe, il primo è un autoritratto del 2018 con l’inseparabile bassotto Ego e l’altro è un ritratto del 2019 del pittore e amico Oscar Kokoschka, conosciuto in gioventù a Venezia. Gli altri due sono sempre disegni, di cui uno insolitamente sviluppato in orizzontale, dai quali sono nati due celebri dipinti: I nuovi Argonauti del 2009 e Dolce amaro (paesaggio) 2001. Le Gallerie degli Uffizi continuano così a perseguire la volontà di arricchire le proprie collezioni dei tre campi principali: autoritratti, disegni e moda. Dopo la recentissima donazione di quattrocento capi per il Museo della Moda e del Costume di Palazzo Pitti, arrivano oggi i quattro disegni del maestro Adami, che si inseriscono a pieno nella collezione ritratti e disegni del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe delle Gallerie degli Uffizi.