Art e Dossier

ad-940-240-ad-sito-rivista-bacchetta.jpg
ad-940-240-ad-sito-rivista-bacchetta.jpg

Santiago Calatrava. Nella luce di Napoli

categoria: Grandi Mostre

La luce e la ricerca dell’equilibrio fra luce e volume, fra gli elementi fondanti della ricerca architettonica di Santiago Calatrava, sono due dei temi affrontati dalla mostra Santiago Calatrava. Nella luce di Napoli visitabile sino al 10 maggio al Museo e Real bosco di Capodimonte a Napoli . Oltre quattrocento opere, divise tra il secondo piano del museo e l’edificio del Cellaio nel Real bosco, raccontano l’opera del maestro spagnlo mostrando accanto a progetti e alle maquette delle sue opere più importanti, fra cui il World Trade Center Trasportation Hub di New York o la Stazione dell’aeroporto di Lione Saint-Exupéry, anche una selezione di sculture e disegni dedicati ad alberi, tori e al nudo femminile. È lo stesso architetto che spiega come la multidisciplinarità sia un elemento importante della sua arte, affermando: «Non ho mai smesso di dipingere, per me è importante lavorare sulla pittura, sulla scultura e sulla ceramica, non solo come discipline indipendenti ma come nutrimento incessante per la mia architettura». L’esposizione, curata da Sylvain Bellenger e Robertina Calatrava, offre dunque una prospettiva e una chiave di lettura completamente rinnovata dell’opera di uno dei più quotati architetti contemporanei dedicando, fra l’altro, anche una sezione alla sua produzione in ceramica, che è posta suggestivamente a confronto con l’antica produzione della Real Fabbrica della porcellana di Capodimonte, fondata da Carlo di Borbone nel 1743.