Art e Dossier

Banner1_RobertoPapini_StefaniaPinsoneHD.jpg
Banner1_RobertoPapini_StefaniaPinsoneHD.jpg

Art Gallery

Valerio Betta: biografia

Valerio Betta è nato a Nozza di Vestone nel 1949, dove vive e lavora.
Ha frequentato alcuni corsi organizzati dall'A.A.B. di Brescia tenuti da O. Di Prata e nel 1973 dal  prof.G.Nino Ramorino, famoso acquafortista, ha appreso la tecnica dell'acquaforte.  E’  fra i fondatori dell’ Associazione Artisti Valsabbini: ha ricoperto la carica di segretario per alcuni anni e ha coordinato l’organizzazione di varie esposizioni e del catalogo Sinestesie.
Esegue personalmente nel suo studio-laboratorio i vari processi di incisione e di stampa, alternando alla grafica i colori e la modulazione del disegno. I suoi lavori, eseguiti su sfondo sabbiato, sono atmosfere invernali dove i colori diventano sensazioni che non sono mai fredde, ma cariche di sentimento e molto umane. Gli acquerelli sono molto gioiosi con scene della valle e del Garda, quasi miniature ottocentesche, sogni che camminano sul colore, oppure grandi vasi di fiori che si perdono nello sfondo e sembra quasi che non ci sia distacco tra il fiore e lo sfondo ma anche lo sfondo sia una continuità dell’atmosfera del fiore e delle foglie. 

Nel 1976 vince a Milano il “Premio grafica Italiana Contemporanea” e nel 1978 il "Premio Moretto “ a Brescia. Nel 1977 espone presso la Galleria La Cornice di Desenzano e nel 1980 alla Galleria La Proiezione di Verona.
Nel 1979- 1980 ha tenuto una mostra permanente presso la pinacoteca di Salsomaggiore Terme. Nel 1985 è invitato alla Biennale d 'Arte Seetal a Zurigo, nel 1988 alla Biennale di La Spezia e nel 1993 all’ Italian Pavillion diTokyo.
Opere grafiche si trovano presso: Biblioteca Nazionale di Roma e Firenze, Musei d'Arte Moderna di Parigi e Amsterdam , Archivio della Biennale di Venezia, Galleria Suzzara (Mn).
La sua attività è inoltre documentata presso l'archivio per l'Arte Italiana del 900 di Firenze, il Museo dell'Informazione di Senigallia e la Civica Raccolta del disegno a Salò.

Opere