Art e Dossier

immagine banner.png
immagine banner.png

Attività didattiche al MaXXi

categoria: Kids
22 marzo – 28 aprile 2019
Roma
Maxxi

Il Maxxi a Roma offre un’amplissima gamma di attività dedicate a bambini e ragazzi, sia per le scuole sia per le famiglie, e propone delle visite-esplorazione alle esposizioni temporanee, precedute da un’introduzione all’architettura del museo.  In questo periodo è in corso la mostra La strada. Dove si crea il mondo (fino al 28 aprile) in cui si guarda allo spazio pubblico come luogo di collaborazione e innovazione per artisti e creativi. Al termine del percorso i ragazzi potranno trarre ispirazione dalle installazioni disseminate per il museo e la piazza al fine di sviluppare una personale mappatura degli spazi del loro quotidiano. Il 10 marzo si concluderà la mostra dedicata al fumettista romano Zerocalcare (Zerocalcare. Scavare fossati. Nutrire coccodrilli), in occasione della quale il museo organizza un laboratorio che ripercorre l’immaginario dell’artista per permettere ai bambini di raccontare, matita alla mano, la propria esperienza di vita con l’aiuto di un team di giovani fumettisti. I ragazzi potranno sperimentare le tecniche del fumetto e vivere un’esperienza che li porterà a produrre una striscia a fumetti su un tema scelto da loro. Tra le altre attività portate avanti dal museo vi è anche il laboratorio Favole di luce in cui i bambini, dopo aver visitato l’edificio progettato da Zaha Hadid, proveranno a raccontarne gli spazi attraverso una serie di immagini realizzate attraverso particolari tecniche creative. Sempre all’architettura è dedicato un altro laboratorio nel quale i partecipanti hanno la possibilità di immaginare e realizzare una loro versione del progetto dell’architetto iracheno. Il museo si occupa anche di attività “social” quali Osserva, scatta, condividi: il Maxxi a modo mio, visita-esplorazione in cui viene reinterpretato l’uso dello “smartphone”. I partecipanti fotografano angoli dell’edificio dalla propria prospettiva e vi associano una parola che l’immagine gli evoca. Le fotografie più belle vengono poi pubblicate negli “account” ufficiali del Maxxi.