Art e Dossier

immagine banner.png
immagine banner.png

De Chirico e Savinio in mostra

categoria: Mostre
16 marzo – 30 giugno 2019
Mamiano di Traversetolo
Fondazione Magnani-Rocca

La Fondazione Magnani-Rocca ospita nella Villa dei Capolavori una grande mostra dedicata a Giorgio de Chirico e Alberto Savinio, i «Dioscuri» dell’arte del XX secolo.
Vengono presentate oltre centotrenta opere tra dipinti, lavori grafici, bozzetti, figurini e costumi per l’opera lirica. L’esposizione si propone di ricostruire criticamente le fonti comuni dei due de Chirico al fine di metterne in evidenza affinità e contrasti del fantastico universo che prende forma nelle loro traduzioni artistiche. I fratelli, nascono in Grecia e ricevono un’educazione solida e internazionale che li porta a ripensare il mito, l’antico e la tradizione classica attraverso la modernità dell’avanguardia e della citazione, traslandoli e reinterpretandoli per tentare di rispondere ai grandi enigmi dell’uomo contemporaneo. Vicinissimi nei primi passi delle rispettive carriere, lavorano a stretto contatto nei primi anni parigini. André Breton definiva il loro lavoro “indissociabile nello spirito”, le visioni concepite da Giorgio in quegli anni, trovano un corrispettivo letterario nella poetica del fratello. De Chirico, dalla personalità più decisa e granitica, individua fin dall’adolescenza la sua strada nella pittura, più freddo, mentale e concettuale, anche dopo la grande stagione metafisica non rinuncia a rappresentazioni ancora impregnate di enigmi. Savinio invece è una figura poliedrica, nasce come musicista e compositore e approda alla pittura solo all’età di trentacinque anni. Il gioco e l’ironia sono i cardini intorno ai quali ruota la sua estetica.