Art e Dossier

940x240-lead.jpg
940x240-lead.jpg

Ghirri a Jeu de Paume

categoria: Mostre
12 febbraio – 2 giugno 2019
Parigi, Francia
Jeu de Paume

Ultima tappa a Jeu de Paume a Parigi, per Cartes et Territoire, la personale dedicata all’opera del fotografo italiano Luigi Ghirri (1943 -1992), già ospitata nel maggio 2018 al Museum Folkwang di Essen e successivamente al Museo Reina Sofía di Madrid.  Cartes et Territorire è un'ampia rassegna, raccolta attorno a differenti set di opere storiche (Atlante, 1973; Colazione sull’erba, 1970 -1974; Diaframma 11, 1/125 Luce Naturale) che Ghirri produsse per un decennio dall’inizio degli anni Settanta e che, nel 1979, culminerà nella pubblicazione del volume Kodachrome e nella mostra, “Vera Fotografia”, ospitata all’Università di Parma. In queste fotografie lo sguardo del giovane Ghirri si posò su frammenti di realtà che conosceva bene, quella provinciale di alcune città dell’Emilia, in mostra insieme alle immagini di luoghi conosciuti durante i suoi viaggi. Una cosa accomuna gli scatti presi a Modena, Carpi, Bologna, Rimini o Bastia, Haarlem, Brest o Engelberg l’assenza del tempo e l’infinito silenzio di luoghi nella realtà dinamici, forti di presenze umane ed esperienza sociale. In Cartes et Territoires risulta chiaro come Ghirri iniziò questo lavoro seguendo il modello di una naturale rappresentazione di un territorio, quasi senza un indirizzo preciso, fotografie che ben presto presero una un’angolatura differente e si presentarono come un’ indagine territoriale e sociale, una investigazione quasi intima di luoghi e di una realtà in divenire che anno dopo anno si lasciava alle spalle l’effervescenza, eredità degli anni Sessanta, per avviarsi a una riflessione più profonda riguardo non solo all’oggi, ma anche al domani.

Riccarda Mandrini