Art e Dossier

antiche_civilta_940x240.jpg
antiche_civilta_940x240.jpg

Guernica di Picasso, a Parigi

categoria: Mostre
27 marzo – 27 luglio 2018

Guernica

Parigi, Francia
Musée National Picasso

Il Musée National Picasso di Parigi ha in programma, dal 27 marzo al 29 luglio 2018, una grande mostra su Guernica. Non c’è studio o rassegna sul Picasso fra le due guerre che non parlino, in un modo o nell’altro, di questo grande dipinto, manifesto planetario contro la guerra. È tuttavia un avvenimento ancor più rimarchevole quando Guernica si sposta fisicamente dal museo madrileno che lo ospita dal 1981, il Reina Sofía. Ricordiamo che nel 1937, anno della sua realizzazione, l’immensa tela fu esposta al Padiglione dell'Esposizione Internazionale di Arte e Tecnica di Parigi, e poi, dopo qualche rassegna itinerante per finanziare la ribellione contro la dittatura spagnola, giunse in prestito al Museum of Modern Art di New York. Per volontà di Picasso Guernica avrebbe potuto tornare in Spagna solo dopo il crollo del regime di Francisco Franco: ciò che avvenne, appunto, dopo la morte del dittatore spagnolo, ma anche quella di Picasso, scomparso nel 1973. In Italia, però, la tela di Picasso era venuta nel 1953, dopo una traversata per mare dagli Stati Uniti e un complesso viaggio dalla Francia, la Svizzera e il passo del San Gottardo. Esposta nella sala delle Cariatidi di palazzo Reale, ancora in rovina dopo i bombardamenti, Guernica ebbe a Milano un’accoglienza trionfale (assai superiore al successivo passaggio a Roma): a Milano la visitarono centosessantaquattromila persone e furono venduti settemila cataloghi, per l’epoca una cifra rilevante. Non si fatica dunque a immaginare che la mostra di quest’anno a Parigi, dove Picasso dipinse Guernica, avrà immensa visibilità. Ne parleremo nei giorni della sua inaugurazione, ma intanto ricordiamo che la rassegna, curata da Emilie Bouvard e Géraldine Mercier ripercorrerà l’intera storia di quest’opera monumentale: in relazione ai tragici eventi di quegli anni, e a tutte le vicende successive, oltre a un’aggiornata verifica sui precedenti stilistici e iconografici e il contesto storico artistico degli anni Trenta.

Gloria Fossi