Art e Dossier

940x240_ART_bacchetta.gif
940x240_ART_bacchetta.gif

Il Gentileschi marchigiano a Fabriano

categoria: Mostre
1 agosto – 8 dicembre 2019

La luce e i silenzi. Orazio Gentileschi e la pittura caravaggesca nelle Marche

Fabriano
Pinacoteca civica Bruno Molajoli

La mostra La luce e i silenzi. Orazio Gentileschi e la pittura caravaggesca nelle Marche in corso alla Pinacoteca civica Bruno Molajoli a Fabriano  è dedicata al periodo marchigiano di Orazio Gentileschi e all’importante ripercussione che il pittore caravaggesco ebbe sull’arte del luogo. L’esposizione, parte del progetto Mostrare le Marche, promuove la conoscenza e lo sviluppo dei territori colpiti dal sisma del 2016. Curata da Anna Maria Ambrosini Massari e Alessandro Delpriori, si sofferma in particolare sul soggiorno del pittore nelle Marche, da porsi nel secondo decennio del Seicento, e presenta un itinerario caravaggesco marchigiano, poiché, come fa notare la curatrice «l’arrivo di Gentileschi è infatti l’episodio più direttamente connesso con l’arte di Caravaggio che le Marche abbiano potuto direttamente esperire». Ricca la selezione di capolavori di Gentileschi, fra i quali l’anconetana Circoncisione del 1607 e la Madonna col Bambino e santa Francesca Romana del 1615-1618, ma anche di artisti quali Giovanni Baglione, che fu molto attivo nella regione, Alessandro Turchi, Bartolomeo Manfredi, Antiveduto Gramatica e Carlo Bononi, solo per citarne alcuni. Inoltre, di Giovan Francesco Guerrieri è esposto un nutrito nucelo di opere che propone al visitatore interessanti confronti con l’opera di Gentileschi.