Art e Dossier

940x240-lead.jpg
940x240-lead.jpg

Numero 365

Mensile

Direttore: Philippe Daverio

Anno di fondazione: 1986

  • Art news

  • Save Italy

    • Caravaggio, alibi ministeriale by Leonardo Piccinini
  • Camera con vista

    • Shalom Café by Luca Antoccia
  • Arte contemporanea

    • Maggio, il mese della performance by Cristina Baldacci
  • Blow up

    • Modotti, Gilardi, Archivio Publifoto by Giovanna Ferri
  • Architettura per l'arte

    • La montagna sull'acqua by Aldo Colonetti
  • Speciale Biennale

    • La 58. Biennale di Venezia
      Vivere in tempi interessanti by Ilaria Ferraris
  • Grandi mostre.1

    • Arshile Gorky a Venezia
      Un outsider del XX secolo by Sileno Salvagnini
  • La pagina nera

    • Un campo del vento? No è archeocemento by Fabio Isman
  • XX Secolo

    • Francesca Woodman
      Semplicemente dall'altra parte by Alba Romano Pace
  • L'oggetto misterioso

    • Cosa sappiamo di quello sguardo magnetico? by Gloria Fossi
  • Grandi mostre. 2

    • Sorolla a Londra
      Inseguire la luce by Costanza Rinaldi
  • Grandi mostre.3

    • Le modèle noir de Géricault à Matisse a Parigi
      Da figuranti a protagonisti by Valeria Caldelli
  • Studi e riscoperte

    • L'Europa della musica
      Una Schengen delle note by Alberto Mattioli
  • Grandi mostre. 4

    • Leonardo da Vinci a Firenze
      Le carte, i ricordi, la vita by Cristina Acidini Luchinat
  • Grandi mostre. 5

    • Van Orley a Bruxelles
      Il Sud visto da Nord by Claudio Pescio
  • Grandi mostre.6

    • Antonello da Messina a Milano
      L'eternità fissata in un istante
  • Save Art

    • Europa Nostra e il caso Famagosta
      La tutela è un atto politico by Jean Blanchaert
  • Aste e mercato by Daniele Liberanome

  • In tendenza

    • Vince Gorky maturo by Daniele Liberanome
  • Cataloghi e libri

  • Centomostre by Ilaria Rossi

 

Sorolla

di Maurizia Tazartes

Uno dei talenti migliori della pittura impressionista è il finora poco conosciuto (ma decisamente in crescita, tanto che la National Gallery di Londra gli dedica ora una grande mostra) Joaquín Sorolla, spagnolo di Valencia (1863-1923), disegnatore prodigioso fin da bambino. Si forma in Spagna, poi a Roma e a Parigi. Torna in Spagna a ventisei anni e nel suo studio madrileno (e con alcuni soggiorni in Francia) dà forma al “luminismo” che ne caratterizza la pittura:  una luce abbagliante costruita con una tavolozza chiara, una pennellata rapida e sicura di sé che gli valsero un successo enorme soprattutto negli Stati Uniti. I suoi soggetti spaziano dal paesaggio mediterraneo al ritratto, dalle scene domestiche e paesane ai bagnanti e soprattutto a meravigliosi giardini carichi di fiori.