Art e Dossier

antiche_civilta_940x240.jpg
antiche_civilta_940x240.jpg

Robert Doisneau in mostra a Senigallia

categoria: Mostre
29 marzo – 2 settembre 2018
Ancona
Palazzo del duca

Una mostra, Robert Doisneau: le Temps Retrouvé, a Palazzo del Duca a Senigallia consacra il fotografo francese. Amava attraversare Parigi lentamente e soffermarsi per le strade, nelle piazze aspettando pazientemente l’attimo che avrebbe reso indimenticabile il fluire quotidiano. Amava lasciarsi sorprendere, osservare e dare spazio alla fantasia. Timido ma curioso, Robert Doisneau (1912-1994), esponenente di spicco – insieme a Izis, Ronis, Brassaï e Cartier-Bresson – della fotografia umanista, consacrata a livello internazionale con la mostra al MoMA di New York nel 1951 (Five French Photographs), nutriva una particolare attrazione per le “banlieues”, le periferie. Lui stesso, tra l’altro, era nato in un sobborgo parigino come l’amico scrittore svizzero Blaise Cendrars (naturalizzato francese) con il quale pubblicò nel 1949 La banlieue de Paris, opera fondamentale per scoprire gli aspetti più intimi e autentici dell’universo creativo di Doisneau. Una genuina affinità si sviluppò poi tra il fotografo e Jacques Prévert: un connubio che influenzerà reciprocamente le loro poetiche. A tal punto da non essere stravagante pensare che il famoso scatto Le Baiser de l’Hôtel de ville, Paris possa aver trovato corrispondenza nella poesia Les enfants qui s’aiment. L’iconico bacio, accompagnato da quarantanove immagini simbolo della copiosa produzione di Doisneau, come quelle realizzate nel suo peregrinare notturno tra bar e bistrot con l’amico Robert Giraud, è ora esposto al Palazzo del Duca di Senigallia.