Art e Dossier

ad-940-240-ad-sito-rivista-bacchetta.jpg
ad-940-240-ad-sito-rivista-bacchetta.jpg

Art History: Ricerca iconografica

Circoncisione

La circoncisione è il taglio rituale del prepuzio comandato ai neonati dalle religioni ebraica e musulmana. Il termine identifica anche una festività della Chiesa cattolica in ricordo della circoncisione di Gesù, avvenuta, secondo i dettami ebraici, otto giorni dopo la nascita. Nel Vangelo di Luca l’episodio, citato brevemente dopo l’adorazione dei pastori, si svolge a Betlemme. In tale occasione al Bambino venne dato il nome di Gesù, «come aveva detto l’angelo ancor prima che fosse concepito nel grembo di sua madre». Nei Vangeli apocrifi è stato dato invece più ampio spazio alla descrizione dell’evento e, nel cosiddetto Vangelo dell’infanzia arabo siriaco esso è ambientato nella grotta, dove la «vecchia ebrea» avrebbe conservato in un’ampolla di olio di nardo la sacra reliquia. Secondo l’esegesi cristiana, la circoncisione sarebbe prefigurazione della Passione, poiché in quella occasione fu versata la prima goccia del sangue di Cristo. Nell’iconografia la scena è a volte ambientata a Gerusalemme alla presenza del sommo sacerdote, fusa o confusa con quella molto simile della Presentazione al tempio dove tra gli astanti compaiono oltre a Maria e Giuseppe, la vedova profetessa Anna e il vecchio Simeone, cui era stato predetto che prima di morire avrebbe visto il figlio di Dio.