Art e Dossier

Art-giuntiabbonamenti-940x240 (1).png
Art-giuntiabbonamenti-940x240 (1).png
Art-giuntiabbonamenti-940x240 (1).png
Art-giuntiabbonamenti-940x240 (1).png

Art History: ricerca iconografica

Saturno/Crono

Antica divinità italica di origine agricola, Saturno era per i romani il sovrano dell’età dell’oro festeggiato a dicembre durante i Saturnalia. Identificato con Crono, divinità della mitologia greca che impersona il Tempo, egli è uno dei titani nati dall’unione tra Urano, il cielo, e Gaia, la terra. La madre lo spinse a evirare il padre con una falce per interrompere l’infanticidio perpetrato da Urano che gettava ogni nuovo nato negli inferi. Per paura dell’avverarsi di una profezia secondo cui uno dei suoi figli l’avrebbe spodestato, Saturno, divenuto padre a sua volta, divorò i suoi figli ancora in fasce, fino a quando sua moglie Rea riuscì a salvare Giove/Zeus sostituendolo nella culla con una pietra, che il dio ignaro ingoiò. Non appena Giove fu cresciuto obbligò suo padre a vomitare tutti i suoi fratelli - Estia, Demetra, Era, Ade e Poseidone -, lo scaraventò negli abissi del Tartaro e si sostituì a lui nel dominio sul mondo, compiendo il destino. Rappresentato come figura dell’umanità primordiale, nudo con lunghi capelli e barba incolti, Saturno/Crono impersona il ciclico scorrere del tempo. Suoi attributi sono la falce e il serpente che si morde la coda (uroburo) formando un cerchio perfetto, simbolo di eternità.