Art e Dossier

940x240-26maggio.png
940x240-26maggio.png

Terza edizione di Desert X AlUla

categoria: Eventi
9 febbraio – 23 marzo 2024

Dal 9 febbraio al 23 marzo ad AlUla, in Arabia Saudita, si svolge la terza edizione di Desert X AlUla, “venue” saudita della manifestazione internazionale di Land Art nata nella Coachella Valley in California, evento di punta dell’AlUla Art Festival (fino al 2 marzo). Con il titolo di In the Presence of Absence, quindici grandi installazioni, commissionate per l’occasione dalla RCU – Royal Commission for AlUla, sono visibili in tre differenti luoghi della zona: lo spettacolare paesaggio desertico di Wadi AlFann – la “valle delle arti” –, fra le rocce laviche di Harrat Uwayrid e in città nella AlManshiyah Plaza, la piazza del mercato agricolo, dove si trova anche la storica stazione ferroviaria di AlUla. La direzione artistica è stata affidata a Raneem Farsi e Neville Wakefield, la curatela del percorso espositivo è di Maya El Khalil e Marcello Dantas. A presentare la propria interpretazione di ciò che è invisibile e inesprimibile sono stati invitati artisti di fama internazionale: Aseel AlYaqoub, Ayman Yossri Daydban, Bosco Sodi, Caline Aoun, Faisal Samra, Filwa Nazer, Giuseppe Penone, Ibrahim Mahama, Kader Attia, Karola Braga, Kimsooja, Monira Al Qadiri, Nojoud Alsudairi, Pascal Hachem, Rana Haddad, Rand Abdul Jabbar, Sara Alissa. Nelle installazioni realizzate ricorrono alcuni temi-chiave: il rapporto tra l’umanità e l’ambiente naturale, alla luce del cambiamento climatico; il patrimonio culturale della comunità locale e dell’antico insediamento nell’oasi di AlUla, per millenni crocevia delle carovane sulla via dell’Incenso; lo scambio fra diverse culture e tradizioni, tra antico e contemporaneo. Desert X AlUla anche con questa edizione contribuisce allo sviluppo dell’area di Wadi Al Fann, una superficie di 65 chilometri quadrati nel deserto che, dal 2026, ospiterà un percorso permanente di Land Art, con installazioni monumentali, anche grazie al mantenimento di alcune opere ideate per le precedenti edizioni. Con questo evento, AlUla, località ricchissima di testimonianze archeologiche e artistiche millenarie – fra le quali anche il sito Unesco nabateo di Hegra –, al centro dell’intensa promozione del patrimonio culturale in atto in Arabia Saudita, si conferma una delle mete più interessanti per il turismo culturale internazionale. In contemporanea, ad Alula apre al pubblico anche la mostra di arte saudita da collezioni private “More than meets the Eye” (fino al 27 aprile), nell’edificio polifunzionale a specchi di Maraya.