Art e Dossier

banner SAVE ART 2022_2.png
banner SAVE ART 2022_2.png

Art History

Joseph Mallord William Turner: biography

Joseph Mallord William Turner è considerato il più importante artista inglese e la sua poetica del paesaggio e del sublime contribuì a cambiare le sorti della pittura del Settecento e dell’Ottocento. Nasce a Londra nel 1775 (forse il 23 aprile) da una famiglia semplice e modesta, che però lo incoraggia a seguire il suo precocissimo talento, tanto da spingerlo a iscriversi nel 1789 alla scuola di pittura della Royal Academy. Il legame già forte con il padre, William Turner senior, barbiere e fabbricante di parrucche, si sarebbe rafforzato in seguito, con la tragica morte della madre (nel 1804), dopo sei anni di manicomio. Della sua vita privata non si sa molto, poiché era un uomo molto riservato. Il suo primo approccio con l’arte avviene attraverso il disegno dal vero (come nella migliore tradizione inglese dei paesaggisti del secolo precedente), l’incisione e soprattutto l’acquerello, con cui inizia a realizzare i primi paesaggi durante i vagabondaggi per le campagne inglesi tra il 1791 e il 1795: nella regione occidentale, nel Kent, nel Sussex, nel Galles meridionale e fino all’isola di Wight. I suoi primi lavori sono ispirati alla tradizione topografica dei luoghi visitati, ma si distinguono immediatamente per qualità e ispirazione, a tal punto che, nel 1793, riceverà un premio per un disegno di paesaggio da parte della Royal Academy, insieme a molte recensioni positive. Nel 1794 Turner lavora presso il dottor Monro (collezionista e protettore di giovani artisti) con Thomas Girtin, copiando opere del paesaggista inglese J. R. Cozens, dal quale impara una visione più lirica e libera del paesaggio che trascende dal dato oggettivo. A partire dal 1796 Turner inizia a dedicarsi anche alla pittura a olio: Pescatori in mare (1796) è il suo primo dipinto per la Royal Academy, da cui, nel 1799, viene eletto membro associato (e nel 1802 membro effettivo). La sua carriera si avvia luminosa e, in questo periodo, decide di viaggiare per il continente (Francia e Svizzera) e, poi nel 1803, di fondare una propria galleria in Harley Street a Londra, nella quale, nel 1804, esporrà per la prima volta una trentina di opere. Pur mantenendo una sincera ammirazione per i maestri del passato, come Poussin o Claude Lorrain, Turner andava maturando un proprio personalissimo stile affascinato dalla ricerca sugli effetti luministici e atmosferici del paesaggio e sugli aspetti più drammatici e “sublimi” della natura. Il suo talento viene sempre più riconosciuto, anche dalla British Institution, rivale della Royal Academy, e dagli altri importanti artisti inglesi dell’epoca, come John Constable. Durante il primo decennio dell’Ottocento continuerà a dipingere, a esporre e a viaggiare per l’Inghilterra, la Scozia, ma anche il Belgio, l’Olanda e la Renania. Al 1819 risale il suo primo soggiorno in Italia (fino al febbraio del 1820): visita Venezia, Firenze, Napoli e a Roma viene eletto membro onorario dell’Accademia di San Luca, grazie a Canova. I suoi viaggi continuano nei primi anni Venti tra la Francia e l’Olanda ma anche all’interno dell’amata Inghilterra, dove, nel 1824, inizierà la famosa serie di acquerelli delle Vedute pittoresche dell’Inghilterra e del Galles, a cui lavorerà per quattordici anni. Dopo la morte del suo fedele collezionista Walter Fawkes, dal 1826 Munro sarà il più importante mecenate di Turner. Nel 1828 è di nuovo in Italia, a Firenze e a Roma dove, però, una mostra dei suoi più recenti dipinti viene ampiamente denigrata. Durante i primi anni Trenta Turner si dedica, tra la Francia e la Scozia, anche alla realizzazione e all’esposizione di tavole di illustrazione delle opere del poeta e romanziere Walter Scott. Nel 1833 esce il primo volume di vedute del Viaggio annuale di Turner. Vagabondaggi sulla Loira e l’artista si reca in Germania, Austria e Venezia (il secondo e il terzo volume, del 1834 e del 1835, saranno Viaggio annuale di Turner. Vagabondaggi sulla Senna). Le opere della maturità saranno incentrate sulla problematica, sempre più urgente e intensa, dello spazio del colore e della luce libero da ogni impianto prospettico, dove, anticipando i suggestivi effetti dell’impressionismo, egli celebra i colori puri, che attraverso la resa luministica perdono consistenza e contorni. Durante l’ultimo periodo della sua vita, mentre convive a Londra con Sophia Caroline Booth (una donna di vent’anni più giovane di lui) sotto falso nome, viaggia molto per l’Europa continentale, tra la Svizzera, la Germania e l’Italia settentrionale, e si allontana sempre più dalla Royal Academy, tanto che nel 1848 per la prima volta non partecipa a una esposizione dell’istituzione e nel 1849 rifiuta, persino, una mostra retrospettiva. Il 19 dicembre del 1851, a settantasei anni, muore in casa a Chelsea e viene sepolto nella cattedrale di St. Paul.

 

The works